Capolavoro Capoliveri 2019 (the day in the life)

IMG_8845 (Modificato)
C’è poco da dire, un anno fa corsi la più bella gara di triathlon cross della mia vita e sarei voluto tornare quest’anno a Capoliveri, dove si disputa l’IRONTOUR a tappe ed il KOLOSSAL, evento long distance su distanze 1800-50-15, unico nel suo genere, che chiude la settimana offroad organizzata da SPARTACUS EVENT, da Renzo Straniero e gli altri amici del team, invece sono a casa, nel mio studio a scrivere queste pochi righe, senza rimpianti in fondo, perchè io non perdo nulla di ciò che avrei potuto fare, nel senso che non devono essere  fattori esterni a condizionare il tuo operato e la tua creatività; se si vuole fare allora prima o poi si farà. Questo è il senso della vita, avere la percezione del tempo ed avere la capacità di saperlo utilizzare meglio che si può.
Questo è ciò che scrissi un anno fa:
Kolossal triathlon, debriefing.
Spiaggia di Pareti, oggi, sabato 27 aprile, 35 atleti più 5 donne. Ore 9.30 siamo in acqua, 16C ma si stava bene, la mia partenza è stata bruttissima, nel tuffo mi scendono gli occhiali e sono costretto a fermarmi subito, riparto ma cerco di affrettarmi e già capisco che sto sprecando energie. Invece all’uscita dal primo mille sono già nei primi 7 ed anche nel secondo mi assesto in quella posizione. Parto in mtb, e dopo la criticità dei primi 2 km mi sento bene e sono determinato a migliorare ancora; sono stati 50km molto difficili e complicati per via di molti problemi anche legati al traffico dei turisti sul percorso, in ogni caso, risalgo fino alla quinta posizione ma il capolavoro lo faccio salendo il monte Calamita, una salita lunga e difficile ed anche ripida, stacco un gruppo di ragazzi che mi aveva raggiunto e mi getto in discesa nella super tecnica picchiata che riporta verso le antiche cave. Il secondo giro era davvero un’incognita, non mi ero ancora risparmiato su nulla! Invece stavo ancora bene, le gambe giravano sempre meglio e nella Calamita entro in terza posizione. Arrivo in zona cambio terzo, parto per i 15km trail senza sapere come avrebbe reagito il mio corpo… ma corro ancora senza nessun problema, sono al massimo, il cuore lo sento sempre al limite ma vado e man mano che passano i km le gambe acquistano brillantezza… comincio seriamente a pensare a questo podio virtuale e insisto a spingere; non ho mai mollato un metro per tutte le mie 5h 19′. Poi è arrivato anche l’ultimo km. Sam è fatta!
Complimenti all’organizzazione SPARTACUS EVENTS a tutti i concorrenti di oggi, alle
Donne e a tutti gli amici!
Una gara praticamente perfetta già dal nuoto:
kolo nuoto
Poi in mtb ho spinto al massimo, e ho capito in quelle 3 ore che stavo davvero bene:
kolo mtb
Ma il capolavoro arriva forse nel trail, quando unitamente senti il corpo che spinge ancora al massimo e capisci che stai avvicinandoti a qualcosa di bellissimo, essere sul podio in una gara del genere!
kolo corsa
Non mi piace vivere di ricordi, ricordare è sempre piacevole ma c’è sempre un velo di malinconia, la malinconia si deve trasformare nella creatività che ti porterà ancora una volta nella realizzazione di progetti ed eventi indimenticabili, che ti costruiscono davvero, giorno per giorno, la vita ogni giorno, il massimo ogni giorno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: